Formazione, Conoscenza e Competenza

Tutti desiderano raggiungere un processo di produzione che sia ripetibile e di migliore qualità.
Questo si può ottenere tramite l’identificazione delle variabili nel sistema e la comprensione delle loro interazioni in stampa.
Questo obiettivo è raggiungibile tramite attività di formazione mirate al miglioramento delle competenze degli utenti per consentire un aggiornamento continuo alle più recenti tecnologie di produzione in flessografia.
La significativa esperienza maturata in oltre 30 anni di attività consente a flexo•expert di essere un partner competente a cui affidarsi per necessità di formazione, calibrazione e consulenza nell’ambito del processo flessografico per la produzione del packaging.

Formazione certificata

Le attività di formazione offerte da flexo•expert sono supportate dagli oltre 30 anni di esperienza di Stefano d’Andrea nell’industria flessografica.

Stefano è un perito grafico industriale che ha conseguito la qualifica di Specialista Implementatore Certificato (Certified Implementation Specialist) secondo il programma FIRST (Flexographic Image Reproduction Specifications & Tolerances) della FTA, l’Associazione Tecnica della Flessografia Americana.

Questo importante riconoscimento viene rilasciato al completamento di 3 livelli di formazione approfondita sul processo flessografico che coprono tutti gli aspetti, a partire dalla comunicazione tra il cliente, la prestampa e la stampa, fino ad arrivare ai metodi di ottimizzazione e caratterizzazione del sistema di stampa flessografico.

Il metodo è vincente

FIRST persegue l’approccio metodico al controllo di processo tramite ottimizzazione, fingerprinting, caratterizzazione e miglioramento del processo come descritto nel documento CGATS TR 012-2003 (Graphic Technology – Color Reproduction and Process Control for Packaging Printing).

Sebbene ogni azienda possa strutturare il proprio flusso di lavoro basato su specifiche necessità, esistono fondamenti universali e specifici per il processo flessografico che devono essere conosciuti affinché il sistema possa essere efficace e produrre qualità e soddisfazione economica.

Con una robusta comprensione e applicazione di questa metodologia, e grazie ai percorsi di formazione proposti da flexo•expert, gli utenti potranno:

  • identificare aree di potenziale criticità;
  • controllare e confrontare la performance della macchina da stampa;
  • utilizzare l’analisi statistica per mantenere condizioni ottimali;
  • effettuare calibrazioni accurate;
  • identificare opportunità di miglioramento;
  • preservare condizioni stabili per mantenere risultati ripetibili.

Il tutto con la garanzia di una riproduzione soddisfacente del progetto grafico commissionato.

Le attività di formazione di flexo•expert sono conformi al metodo FIRST, alle norme ISO pertinenti al processo flessografico e alle Linee Guida e specifiche suggerite da Atif (www.atif.it) per garantire un livello di professionalità adeguato alle moderne esigenze della stampa del packaging in flessografia.

Corsi di formazione

Le attività di formazione e training tecnico sono indirizzate a stampatori di imballaggi (flessibile, etichette, ondulato), service, fotolito e designers, costruttori e distributori di macchine da stampa e tecnologie di processo, scuole grafiche e associazioni di categoria, clienti finali e proprietari di marchio.

Tutte le attività di formazione sono condotte da Stefano d’Andrea, perito grafico e FIRST Implementation Specialist, Level III (Certificate #ISC0183), certificato dalla Flexographic Technical Association (FTA), l’associazione professionale leader a livello mondiale dedicata al progresso del processo di stampa flessografica.

Il programma formativo copre i seguenti argomenti:

Training Base (6 ore)
Ideale per una buona introduzione ai fondamenti del processo flessografico, toccando gli argomenti più rilevanti dai componenti del gruppo di stampa agli elementi di prestampa e calibrazione del sistema.

Training Avanzato (18 ore)
Dedicato agli utenti esperti che hanno bisogno di approfondire ulteriori informazioni tecniche con una descrizione dettagliata di ogni componente del gruppo di stampa e delle loro variabili. La nostra interazione con la riproduzione del colore, dalla percezione, attraverso la misurazione e la gestione in prestampa. E infine una descrizione passo-passo completa della calibrazione del sistema con ottimizzazione, fingerprint e caratterizzazione.

Training Completo (24 ore)
Il Corso Completo comprende tutte le materie del Corso Avanzato e un confronto più approfondito tra le diverse tecnologie di stampa e l’evoluzione del processo flessografico. È inclusa anche una formazione completa sul processo di fabbricazione delle lastre e la sua calibrazione.

Chiedi informazioni

Il Programma Completo dei Corsi

Legenda ai simboli
= argomento interamente sviluppato durante la sessione
= argomento sviluppato negli aspetti essenziali

Componenti del gruppo stampa flessografico      
La flessografia tra i sistemi di stampa del packaging Base Avanzato Completo
Il packaging tra i prodotti stampati  
Sistemi di stampa e forme stampanti  
Riserve di inchiostrazione dei diversi sistemi    
Trasferimento di inchiostro e formazione dei grafismi  
Struttura delle macchine nei diversi sistemi di stampa    
Supporti utilizzati dai diversi sitemi di stampa    
Prodotti packaging realizzabili per ogni sistema    
Caratteristiche degli inchiostri    
Riconoscere la tecnologia di stampa sui prodotti stampati    
Confronto tra i sistemi di stampa  
Evoluzione della flessografia Base Avanzato Completo
Le origini del sistema flessografico    
Evoluzione del sistema di inchiostrazione    
Strutture di macchine flessografiche    
Il rullo anilox Base Avanzato Completo
Capire lineatura e volume
Evoluzione dei rulli anilox  
Incisione laser su ceramica
Costruzione, caratteristiche e tolleranze  
Confronto tra diversi angoli e geometrie di incisione
Volumi e rapporti ideali di incisione
Rapporto anilox/lastra
Difetti principali per eccesso di inchiostro
Come misurare il volume dell’anilox  
Sistemi di pulizia e manutenzione
Il dosaggio dell’inchiostro in flessografia Base Avanzato Completo
Sistemi di dosaggio dell’inchiostro
Caratteristiche delle lame di raclatura
Angolo di raclatura
Componenti del sistema di raclatura e caratteristiche  
Suggerimenti per l’utilizzo
L’inchiostro flessografico Base Avanzato Completo
Tipi di inchiostro
Confronto tra solvente e acqua
Inchiostri a indurimento
Concentrazione e opacità
Pigmenti e Color Index  
Tipi di resine e caratteristiche  
Solventi e diluizione  
Il pH negli inchiostri all’acqua  
Additivi tipici e loro funzioni  
Viscosità e controllo  
Determinare il volume di inchiostro necessario
La formulazione delle tinte
La matrice di stampa flessografica Base Avanzato Completo
Caratteristiche principali
Spessore, rilievo e durezza
La riproduzione del grafismo a rilievo
Testa piatta o testa tonda
Misurazione dei grafismi sulla lastra
Pulizia e compatibilità con i solventi  
Nastro biadesivo e montaggio lastra Base Avanzato Completo
Montaggio della matrice
Principio e struttura dei nastri biadesivi e ammortizzanti
Come fare le pressioni in macchina  
Spessori e tolleranze  
Suggerimenti per l’uso dei nastri biadesivi  
Cilindri e maniche porta matrice Base Avanzato Completo
Dagli ingranaggi al gearless  
Dove avviene la stampa
Diametro esterno e compressione della matrice
Supporti di stampa Base Avanzato Completo
Classificazione dei materiali e loro utilizzo
Tensione superficiale
Carta e Cartone ondulato  
Tensione della bobina
 
Percezione, riproduzione, misurazione e gestione del colore      
Principi di riproduzione grafica Base Avanzato Completo
Da immagine dal vivo a riproduzione stampata
Mezzetinte e risoluzione dell’occhio umano
Risoluzione dei dispositivi nel flusso di produzione  
Tipi di retinatura AM e FM  
Colore e percezione Base Avanzato Completo
Percezione e caratteristiche della luce  
Modalità colore, sintesi additiva e sottrattiva  
Il colore della luce  
Condizioni di visione e illuminazione
Comportamenti dell’occhio umano  
Misurazione del colore Base Avanzato Completo
Descrivere il colore con modelli (Lab, LCh)  
Capire e misurare la densità
Copertura d’area e % di punto
Impostazioni di densitometro e spettrofotometro
La differenza di colore (Delta E)
La gestione del colore Base Avanzato Completo
Principi di gestione del colore, gamut e profili  
La conversione del colore  
Separazione in quadricromia e costruzione dei profili  
Intento di output, condizioni generiche e specifiche
Il colore si gestisce in sala stampa
Il ruolo del design Base Avanzato Completo
Utilizzare i colori speciali
Linee guida per la riproduzione del testo e dei filetti  
Linee guida per la gestione delle abbondanze  
Linee guida per la definizione della lineatura  
Linee guida per la gestione dei codici a barra  
Il ruolo della prestampa Base Avanzato Completo
Curve di calibrazione e compensazione
Preparare un lavoro per la stampa flexo  
Metodi di gestione del colore (ISO 10128)  
Conversione colore con profili Device Link
La gestione dei colori speciali e spot
Oltre la quadricromia: 6, 7 colori, EGP  
La gestione delle abbondanze  
Caduta macchina e distorsione della matrice
La prova coore contrattuale  
La preparazione delle matrici flessografiche Base Avanzato Completo
Tecnologie di formatura delle matrici    
Sistemi analogici e digitali    
Il processo di fotopolimerizzazione    
Calibrazione del processo di formatura    
Ossigeno e polimerizzazione: effetti sulla matrice    
Metodi di realizzazione per matrici a testa piatta    
Calibrazione dei CtP: curva di bump    
Sistemi di incisione laser diretta    
 
Qualità, norme di riferimento e calibrazione del sistema di stampa      
La qualità percepita e la calibrazione misurata Base Avanzato Completo
Abbiamo sempre fatto così  
Lineatura di stampa e qualità  
Contrasto, dotgain e qualità  
Densità di stampa e qualità  
Concetti fondamentali e approccio alla calibrazione
Descrizione delle fasi di calibrazione
Norme ISO e specifiche di riferimento Base Avanzato Completo
ISO 12647-6 – stampa flessografica  
ISO 20654 – SCTV  
ISO 15339 – stampa con diverse tecnologie, CRPC  
ISO 10128 – metodi di regolazione del colore  
Ottimizzazione Base Avanzato Completo
Scopo e variabili da ottimizzare
Uniformità e stesura dell’inchiostro  
Le curve tonali e la compensazione  
Retini convenzionali, ibridi e gestione del punto minimo  
Ottimizzare il parco rulli con il rullo anilox a bande
Fingerprint e controllo del processo Base Avanzato Completo
Scopo e variabili da controllare
Elementi grafici da usare nel test  
Gli angoli di retino  
La calibrazione con bilanciamento dei grigi  
Approccio statistico e grafici di controllo
Caratterizzazione e miglioramento Base Avanzato Completo
Scopo e variabili da verificare
Considerazioni sul processo di caratterizzazione  
Dai dati di caratterizzazione ai profili, ai dati di controllo
Contattami per esigenze personalizzate